mercoledì 30 aprile 2014

Omaggio a un grande campione, Ayrton Senna



SAN PAOLO - «La sua determinazione, il perfezionismo, il senso di giustizia e patriottismo di Ayrton. Era una persona molto speciale per i brasiliani». Così Bruno Senna, che aveva appena 10 anni quando suo zio morì il 1 maggio 1994, ricorda Ayrton Senna alla vigilia dei 20 anni dalla sua morte. Per i brasiliani Senna era più di un idolo dello sport, personificava l'orgoglio e il patriottismo.
RICORDO SPECIALE - «Sono passati venti anni ma per me e la mia famiglia sono volati questi anni, mi sembra che sia solo qualche anno fa che è morto mio zio. Quel giorno ero davanti alla tv, guardavo sempre i Gp assieme alla mia famiglia ma non mi resi conto di cosa era successo. Pensavo che sarebbe uscito fuori dall’abitacolo e che dopo qualche giorno in ospedale sarebbe tornato. Non mi ero reso conto della gravità dell’incidente. Poi sono arrivate le brutte notizie. Certo è che quell’episodio ha cambiato la mia vita e quella della mia famiglia». Bruno ha comunque seguito le orme dello zio, ed ha corso in F1 proprio con la Williams con cui Ayrton era diventato campione: «E’ triste dirlo ma proprio quell’incidente ha migliorato la sicurezza delle macchine e dei circuiti, tutto è stato reso più sicuro ed affidabile. Personalmente pensavo di essere veloce e di poter avere un avvenire in F1 ma parte della mia famiglia era contraria. C’era anche chi mi appoggiava ma molto temevano che potesse ripetersi un incidente come quello di Ayrton».Fonte: Tuttosport

Applausi e inchini


Che si vergognino, se non altro perché quelli che applaudivano possono immaginare che al posto del povero Aldovrandi in futuro potrebbe esserci il loro figliuolo.

Quell'assemblea di difensori dell'ordine pubblico che applaudono altri difensori dell'ordine pubblico che hanno ucciso un ragazzo, mi ha fatto venire in mente i magistrati che accusano di terrorismo quei cittadini che difendono la democrazia; quei manager che guadagnano cifre smisurate; quei politici che sono collusi con i mafiosi; quei corrotti e corruttori che hanno espropriato i cittadini di ogni possibilità di decidere del proprio futuro, e che continuano a succhiare ricchezza senza vedere la tempesta che si avvicina. Penso che siano tutti sintomi dello sfacelo della società italiana. Se ne esce soltanto con una grande riforma intellettuale e morale. Ma ci vuole una forza politica nuova che riesca a vedere la profondità dell'abisso e indichi una strada. Questa forza politica non c'è. Non si creerà da sola. Chi pensa solo a se stesso, e chi si volta dall'altra parte, per indifferenza, o per pigrizia, porterà la responsabilità del disastro. Giulietto Chiesa

martedì 29 aprile 2014

Capitani coraggiosi


Colaninno e soci pur avendo una società sana come Alitalia, poiché i debiti di questa società li pagò lo Stato grazie al "caro" Berlusconi, ma non bastando ciò, stiamo ancora pagando debiti (500 mila euro al giorno) in aggiunta con nuove imposte. 

Omaggio alla Pallacanestro Reggiana, campione Euro Challenge


lunedì 28 aprile 2014

Verona yankee fascio-style

Flavio Tosi, di lui già si parlava (male) fin dal 2008, all'indomani della morte di un ragazzo in seguito ad un pestaggio organizzato da un gruppo di skinheads, personaggi che con Tosi si sentivano (e credo) si sentono tutt'oggi ancora rappresentati. (http://espresso.repubblica.it/palazzo/2008/05/12/news/la-capitale-nera-1.8368)

I have the Squinzdream...oggi su Prima Pagina di Modena


Yogurt...oggi su Prima Pagina Di Modena

Nessuno tocchi la mia tartina! Pare che la grillina Giulia Gibertoni la sera del 7 aprile durante una pausa dei lavori del Consiglio Comunale, abbia mangiato un quarto di yogurt qualche cereale al buffet che i consiglieri comunali avevano prenotato e fatto pagare in anticipo. In discussione vi era infatti la famosa delibera popolare sulle falde acquifere, firmata otto mesi prima e che fu imbucata quella sera in tutti i modi dal PD modenese, prima di affrontarla, snaturandola, l'ultima ora dell'ultimo Consiglio, tradendo i cittadini e tradendo la partecipazione popolare. Giuseppe Leonelli Fonte: Prima Pagina di Modena

domenica 27 aprile 2014

Papi Day


Compensi e bisogni...oggi su Prima Pagina di Modena


L’affermazione di Tomaso Tommasi di Vignano sul suo stipendio da presidente di Hera («non sento il bisogno di abbassarmelo ancora», ha detto mercoledì) apre un caso politico. Quelle parole infatti non sono andate giù ai renziani, che vorrebbero applicata anche alla multiutility la linea del premier sugli stipendi dei manager. La tempesta comincia su facebook, appena si diffondono le parole del presidente Hera. «Non credo di sentire il bisogno - le cita il presidente della direzione Pd di Bologna Piergiorgio Licciardello - di ulteriori interventi sul mio compenso (ipse dixit dall’alto dei suoi 457.000 euro annui di compenso il numero uno di Hera). Personalmente non credo di sentire il bisogno di pagarglielo lo stipendio». «Insomma, 457.000 euro di compensi per un presidente sono davvero non commisurati al valore dell’incarico». Sul web corre anche un hashtag evidentemente sarcastico, coniato dalla consigliera comunale Raffaella Santi Casali: «#tomasostaisereno».  Fonte : La Nuova Prima Pagina.

Festa della Liberazione a Reggio Emilia


sabato 26 aprile 2014

Santo o non santo, questo è il Wojblema


Il New York Times scrive un editoriale di fuoco contro la santificazione di papa Giovanni Paolo II, in programma per domenica prossima a Roma. Il commento dal titolo "Non era un santo" (A saint, he aint) prende spunto dai numerosi casi di pedofilia scoppiati duranti il papato di Wojtyla e che scossero anche molte diocesi americane senza ricevere adeguata attenzione dal Vaticano. (Fonte: Huffingtonpost)

venerdì 25 aprile 2014

Bella ciao...oggi su Prima Pagina di Modena


La fiumana partigiana


Ai nostri partigiani, che vollero vivere da cittadini liberi in un Paese libero, deve andare sempre la nostra gratitudine. Viva la Resistenza.

giovedì 24 aprile 2014

mercoledì 23 aprile 2014

martedì 22 aprile 2014

Tempo scaduto



il lago rosa è griigio

la cooperante espagnola vinea cercare
l'autentico in senegal
tra iphones e wari
per scovare l'archetipo
dell'uomoaccecato dal bisogo di soldi
se ne va per villaggi
l'autentico senegal 
lo trovi a sali
tra spaccini saysay
e motonoleggi
or che nè più il lago rosa
ha conservato ikl colore
autentico originale
che faceva sognare
turisti e rallisti
d'ogni parte del mondo
ora è grigio normale
come ogni bacino laghetto
o un invaso idroelettro




e in più è la terza balena in 3 mesi chesi spiaggia tra pointe sarene e mbour che se lo guaredi dal mare il cetaceo spiaggiato sembra ave'r confuso il nord con l'antenna della sonatel...l'esemplare di oggi spiaggiato martedi era un giovane di balenottera azzurra di 10 12 m;

no buono

yo yen

Christian Rizzi

A volte ritornano


sabato 19 aprile 2014

L'uomo trivella...oggi su Prima Pagina di Modena


«Nessuna sottovalutazione dei problemi, ma è necessario un approfondimento tuttora in corso; abbiamo sempre agito in buona fede per interpretare nel migliore dei modi le indicazioni forniteci dalla relazione scaturita dal lavoro della commissione Ichese». 
Così il presidente della Regione Emilia Romagna e commissario delegato per la ricostruzione post sisma, Vasco Errani, ha esposto questa mattina davanti all'Assemblea regionale le considerazioni relative all'utilizzo del rapporto Ichese frutto di un gruppo di lavoro, ha ribadito, «voluto da noi per il giusto diritto e dovere di avere delle risposte». Fonte: Prima Pagina

venerdì 18 aprile 2014

Sporthumor


giovedì 17 aprile 2014

Pecoraro imprefetto


Don Leo della Mancia e il suo fido Sancio Tiz


E’ stato tutto un giro di telefonate, Sergio Staino mi chiama e mi dice di sentirmi con Emiliano Poli, dell’Associazione Nazionale Legalità e Giustizia. Detto fatto, chiamo poi Leonardo Magliacano, poi ci sentiamo con Tullio Boi, Poi Dario, Carlo, Pietro, Andrea, Umberto…e tanti altri umoristi ancora. All’inizio dovevano essere solo vignette.  In concomitanza con questo però , stava nascendo tra noi disegnatori, l’esigenza di organizzarci in qualcosa di nostro.  Da li a poco nacque l’idea di “ACIDUS”. Il nocciolo duro si trovò a Roma e prese  a cuore il tutto. Ma cosa centra A.N.L.G. con ACIDUS? direte voi. C’entra perché intorno all’Associazione hanno incominciato a girare i nomi della satira, e da li è nata l’idea di realizzare il libro. Una serie di coincidenze e circostanze che hanno fatto si che un centinaio di nomi della satira provenienti da tutto lo stivale e alcuni anche dall’estero,  avessero prestato la loro arte per i temi che Legalità e Giustizia da sempre sono importanti. E cosa c’è di meglio per un satirico che trattare questi temi: la mafia- la legalità- la giustizia- diritti dell’uomo- il femminicidio- la diversità- i migranti- la costituzione- la corruzione- il diritto al gioco. Sono i temi di tutti giorni, pane per i nostri denti, operazioni ad occhi chiusi, la satira ruota e continuerà a ruotare attorno a questi temi.
 Tiziano Riverso

martedì 15 aprile 2014

Amministruazione comutemkin


E' davvero una città strana, la nostra, e non si sa da che parte prenderla per dare un giudizio generale. Siamo una città che ha un grande spirito di solidarietà, ed è forse l'aspetto positivo principale, ma siamo una città dove l'invidia regna sovrana, ammalata di provincialismo nel senso deteriore del termine e sempre pronta a fare polemica su ogni cosa e dove tutto viene giudicato in termini politici. (...) Siamo partiti da lontano per cercare di capire il "niet" dell'Amministrazione Comunale e della Fondazione dello Sport della Pallacanestro Reggiana, per la richiesta di sostegno (solo pullman) per la trasferta bolognese di Eurochallenge (...) Ha ragione da vendere il Presidente della Grissin Bon, Ivan Paterlini, quando parla di aver ricevuto una grande delusione da parte dell'amministrazione della città di Reggio Emilia, anche perché la trasferta bolognese non è frutto di uno sfizio della società biancorossa, ma deriva dal fatto che in città non c'è un impianto adeguato alle richieste della Fiba. Sembra che quando l'assessore Del Bue ha portato avanti la richiesta avanzata dalla società ci sia stato qualcuno ched è scoppiato a ridere rifiutando  di ascoltare tale proposta. Più che da ridere ci sarebbe stato da piangere, perché costoro hanno dimostrato una miopia mostruosa e soprattutto hanno confermato che la società che fa capo a patron Landi non riscuote le simpatie politiche dell'amministrazione cittadina. (Ettore Spallanzani Fonte: La Nuova Prima Pagina)

lunedì 14 aprile 2014

Omaggio allo sport modenese...oggi su Prima Pagina di Modena


...che da  un reggiano dalla testa quadra, come il sottoscritto, è tutto un dire!

domenica 13 aprile 2014

Frac...chi?...oggi su Prima Pagina di Modena

http://www.lanuovaprimapagina.it/news/provincia/4263/Beppe-Grillo---C-e.html

Lotta violenta


sabato 12 aprile 2014

giovedì 10 aprile 2014

C'est la fin (?)


Il procuratore generale di Milano ha dato il via libera alla richiesta degli avvocati dell’ex premier, cioè l’affidamento in prova ai servizi sociali come pena alternativa al carcere per Silvio Berlusconi. Sorvoliamo sul fatto che la cosa vergognosa è che Berlusconi senza nessun pentimento, senza nessun rimorso ottiene la pena più pietosa, più ridicola tra tutte quelle previste,  mentre  un'altro imprenditore che negli ultimi mesi si è trovato stritolato da tasse, bollette, more e ingiunzioni di pagamento fino a 350 euro,  sceglie di farla finita, con l’estremo gesto del suicidio. L'ho già detto e ripetuto che in un paese normale Silvio Berlusconi sarebbe già finito in galera da un bel pezzo e anche se ultimamente fatico a distogliere lo sguardo dal quotidiano e purtroppo abbraccio la realtà nel suo insieme, voglio sognare di vivere in un paese normale, appunto.

mercoledì 9 aprile 2014

FMI...chi?


martedì 8 aprile 2014

lunedì 7 aprile 2014

Non ci posso credere...oggi su Prima Pagina di Modena


L'uomo che parla ai robot

Dicono che il sig. Enrico Grassi, noto imprenditore di un piccolo paese della prima collina reggiana, parli ai robot. Il problema è che non gli rispondono. http://www.ilgiornale.it/news/cowboy-imprenditore-che-parla-ai-robot.html

sabato 5 aprile 2014

venerdì 4 aprile 2014

Matteo, pensaci tu.


Niente in mano, l’orologio che ticchetta verso il 10 aprile e un senso di angoscia che lo attanaglia. Con questo stato d’animo è tornato dalla visita al Colle Silvio Berlusconi. Il gelo di Giorgio Napolitano si è sciolto soltanto per notare, con tatto, che in certi momenti la cosa più opportuna risulti un’uscita di scena decorosa. Proprio quella a cui l’ex Cavaliere non vuole nemmeno pensare. Perché nella sua testa ha un’ossessione: strappare a qualsiasi costo quell’«agibilità politica» che gli permetta di fare la campagna elettorale per le Europee e rimanere leader di un partito che, peraltro, non ha alternative.Fonte: l'Unità.

P.s.: secondo voi Renzino cosa farà?

giovedì 3 aprile 2014

mercoledì 2 aprile 2014

Non sono cattivi; è che li disegno così! (Mica vero)


Beh, certo, per risparmiare i soldi della politica ladrona non c'è bisogno di sfasciare la Costituzione, questo lo dovrebbero capire anche i sassi. Ma gli italiani sono peggio dei sassi ... e quando si trova un imbonitore di quelli giusti (ieri Berlusconi, oggi Renzi) ecco che tutti si spellano le mani ad applaudire a più non posso. Poi, visto che c’è di mezzo il Pd, anche i giornali di sinistra tacciono e acconsentono. E gli elettori restano ignari di tutto. Quanto poi Renzino parla del Paese, beh dimentica che nessuno l’ha mai eletto (se non a presidente di provincia e a sindaco) e il suo governo si regge su un Parlamento delegittimato dalla sentenza della Consulta e su una maggioranza finta, drogata dal premio incostituzionale del Porcellum. Altrimenti non avrebbe la fiducia né alla Camera né al Senato. Eppure pretende di arrivare a fine legislatura e financo di cambiare la Costituzione: ma con quale mandato popolare, visto che nel 2013 nessun partito della maggioranza aveva nel programma elettorale queste “riforme”? Certamente siamo ad una svolta, ma autoritaria anzi, fascistoide. O no? (Fonte: il Fatto Quotidiano.

martedì 1 aprile 2014

Pesce rottamatore


Andiam, andiam, andiamo a ricoprir!


Clamoroso. Terminato il consiglio comunale di Modena, è stato approvato un ordine del giorno aggiuntivo in merito alla ricopertura della Ghirlandina, proposto dal sindaco Pighi. Pertanto è stata preparata una mozione che impegna la regione Emilia Romagna a ripristinare la copertura della celebre torre campanaria detta la Ghirlandina, che sorge di fianco al millenario Duomo di Modena. Così da sabato prossimo riparte la 'copertura' della Ghirlandina - pioggia e vento permettendo - l'installazione del telo decorato, questa volta realizzato da uno dei maggiori esponenti della street art, Busky. Fonte: Prima Pagina di Modena

Spigoli vivi


A seguito di un esposto di un privato alla direzione dell'azienda trasporti FS, il commissario ha ordinato un'indagine interna in merito agli spigoli degli elementi in acciaio che compongono la celeberrima e orgoglio reggiano, stazione Mediopadana, pensata e progettata dall'artista-architetto Santiago Calatrava, stra-conosciuto per il suo design organico. Dalla denuncia si evince che gli spigoli vivi degli elementi in acciaio sarebbero posizionati ad una altezza tale da risultare estremamente pericolosi soprattutto per i bambini. Fonte: Prima Pagina di Reggio Emilia